ll comune di San Pietro in Cariano (12.863 abitanti), a 14 km da Verona, disteso tra la pianura e i monti Lessini, ha restituito reperti importanti delle sue origini remote, in particolare del periodo romano. Le numerose testimonianze legate all’epoca romana e alla successiva dominazione veneziana rendono questo paese un luogo di notevole interesse storico.

Divenuto un rinomato centro residenziale, fulcro delle attività economiche della zona, il Comune di San Pietro in Cariano attualmente comprende le frazioni di San Floriano, Pedemonte, Corrubbio di Negarine, Castelrotto, Bure.

San Pietro in Cariano Pieve San Floriano

ll cuore antico è rappresentato dalla Pieve di San Floriano, costruzione esemplare del periodo romanico (XII secolo), con imponente campanile e ampio chiostro, costruita sul modello della cattedrale medievale di Verona.

La Pieve di San Floriano è considerata la più significativa testimonianza del periodo romanico in Valpolicella. Questa antichissima costruzione, che sorge nell’omonima frazione, è frutto della ricostruzione condotta dopo che un terremoto nel 1117 distrusse l’antico edificio longobardo.

La sua struttura a tre navate ingloba consistenti brani di costruzione romana, così da far pensare che in precedenza nel luogo esistesse un tempio, e presenta una bellissima facciata in tufo a conci regolari. Oltre al chiostro seicentesco, sul lato nord, spicca un imponente campanile a base quadrata: la parte inferiore è in pietra, mentre quella superiore è caratterizzata da conci di tufo e di cotto che conferiscono all’insieme un’originale colorazione policroma.

Le dolci colline carianesi sono ricche di ville signorili che risalgono prevalentemente al periodo di dominazione veneziana. La bellezza architettonica degli esterni e gli splendidi esempi di giardini all’italiana hanno reso queste ville tappe obbligate nella visita del territorio.

Da segnalare: Villa Saibante-Monga (Villa Costanza) e Villa Pulle-Galtarossa a San Pietro in Cariano, Villa Serego Campostrini (Villa Santa Sofia) a Pedemonte, Villa Gionanella frazione di Cengia, Villa Betteloni a Sausto di Castelrotto, Villa BandaAmistà a Corrubbio, Villa Lebrechta San Floriano attualmente sede del corso di laurea in Scienze e Tecnologie Viticole ed Enologiche dell’Universita di Verona.

San Pietro in Cariano - Villa Giona

Filari di vigneti a pergola, ciliegi e olivi sono l’essenza di questa terra.
II paesaggio è tipicamente collinare e assume un fascino particolare quando, in autunno, la natura si colora e la zona vive il suo periodo d’oro, frutto del lavoro costante e appassionato della gente locale.

Disseminate nel territorio si trovano numerose aziende agricole, ciascuna con una propria storia e con le proprie tradizioni, che meritano di essere visitate e conosciute per capire quanto la produzione vitivinicola sia radicata nella vita di questa terra.

Le ciliegie e l’olio extra vergine di oliva sono i principali prodotti del territorio, anche se a renderlo unico sono i suoi vini pregiati. Primo fra tutti il vino Valpolicella, rappresentativo della zona, che si può gustare anche nelle versioni Superiore e Ripasso.

Se fino a una cinquantina d’anni fa il Recioto era considerate il vino principe di questa terra oggi, con la sua versione “scappata”, simbolo della Valpolicela è l’Amarone: vino prestigioso, famoso in tutto il mondo per le sue peculiari caratteristiche che derivano da un processo
di produzione divenuto un’arte.

Contatti:

Comune di San Pietro in Cariano

Via Chopin, 3 – 37029 – San Pietro in Cariano (VR)

www.comune.sanpietroincariano.vr.it